Dopo aver passato il fine settimana a cucire finalmente mi godo il risultato!! Il mio piccolo e biondissimo Robin Hood era stupendo!
Ho cucito un vestitino pratico, facile e d’effetto.
Molti di voi mi diranno che non c’è più tempo, che è difficilissimo da realizzare; vi assicuro che con un pannolenci e un po’ di creatività tutto è possibile. Se poi aggiungete un pizzico di passione per il cucito e per il riuso, il gioco è fatto.
Mentre per il vero taglio e cucito vi consiglio di dare una sbirciatina al suo questo blog e chiedere consigli ad una vera esperta di cucito http://www.dinuvoledicuori.com/ lei sì che fa sul serio.
Ma torniamo a noi principianti creativi: prima di tutto ho ritagliato su un foglio di giornale un modellino (per la precisione su un giornaletto delle offerte di elettrodomestici scaduto!); ho tracciato i contorni dal giubbotto che avevo deciso di far indossare a Cesare sotto la casacca; infine, con l’aiuto del cartamodello, ho ritagliato due pezzi uguali di stoffa verde…ed ecco pronti il davanti ed il dietro della nostra casacca.
Il bello del pannolenci è che una volta tagliato non occorre cucire le estremità o cimentarsi in orli. Con solo 10 punti a mano – e non sto scherzando, li ho contati! – ho unito le due parti ai lati fermandole con due bottoni marroni. Ovviamente bottoni di riuso, staccati da un golf di mia nonna. Chi non sa attaccare un bottone?!? Fino a qui è facile! Poi è arrivato il momento di fare la faretra: SEMPLICE!
Ho preso un vecchio manifesto che avevo in casa, l’ho arrotolato ed ho rivestito il tubo ottenuto con il pannolenci marrone e fermato con colla a caldo. Per questa creazione neanche un punto a mano…ecco la creatività di cui vi parlavo!
Dopo la faretra è stata la volta del cappellino, e qui è venuto fuori l’architetto che è in me: ho disegnato un triangolo isoscele su un foglio di carta (nel caso specifico questa volta era un volantino di offerte scadute di materassi, proprio per non sprecare niente!).
Ho posizionato il cartamodello sulla stoffa, ritagliando per due volte; l’ho cucito, anche questo a mano – qui saranno serviti circa 30 punti – poi ho capovolto il cappellino il gioco è fatto: ho aggiunto e fissato la penna rossa e drappeggiato la punta.
A questo punto la domanda ci sta tutta: e la cintura? Più facile a farsi che a dirsi! E’ stata la creazione dell’ultim’ora.
Ho ritagliato un lungo rettangolo di pannolenci marrone e ad una delle estremità ho fermato la fibbia bianca con la colla a caldo. Ovviamente la fibbia non è vera! Ho utilizzato un porta etichetta delle scatole di cartone.
E così vestito finito! Con un po’ di fantasia tutto è possibile e l’importante è divertirsi. Poi sono vestitini per i nostri bambini, quindi basterà poco per rendere un pezzo di stoffa indimenticabile.
Se avete bisogno di info o idee scrivetemi pure, sarò felice di aiutarvi: ”SEMPRE A DISPOSIZIONE” proprio come i personaggi del cartone animato Paw Patrol!
Io intanto inizio a preparare il mio vestito per la festa di carnevale di sabato prossimo!
Stay tuned

Elisa Caruso

Vestito di carnevale fatto a mano

Casacca davanti/dietro

Vestito di Carnevale fatto a mano